Un’introduzione alle stampanti per etichette

Le stampanti per etichette hanno la capacità di stampare su cartoncino, etichette autoadesive e altri materiali. Il modo in cui differiscono dalle stampanti normali è che utilizzano meccanismi di alimentazione speciali per gestire i fogli strappati o il materiale arrotolato. Le stampanti per etichette dispongono di un minuscolo sensore in grado di rilevare tacche, perforazioni o linee tra etichette, tacche o spazi vuoti, quando si utilizza uno stock di etichette continuo su cui stampare. Ciò impedisce lo spostamento della posizione di stampa e garantisce che la stampa raggiunga l’area di destinazione consentendo alla stampante di etichette di regolare e allineare correttamente la stampa. Alcune delle applicazioni in cui vengono utilizzate le stampanti di etichette includono la marcatura dei prezzi al dettaglio, la gestione delle risorse fisse, la gestione della catena di approvvigionamento, i campioni di sangue e di laboratorio e le etichette di spedizione; e per tutte queste applicazioni sono in grado di utilizzare molti diversi materiali per etichette, come materiali polimerici sintetici e prodotti di carta.

Esistono due tipi principali di stampanti per etichette, ovvero stampanti a trasferimento termico e stampanti termiche dirette. Le stampanti per etichette a trasferimento termico utilizzano il calore per trasferire l’inchiostro sull’etichetta dal nastro per una etichette personalizzate stampa permanente. Trasferiscono le immagini sulle etichette, utilizzando un nastro inchiostrato, con le etichette che normalmente hanno una finitura opaca. Le stampanti per etichette termiche dirette utilizzano carta sensibile al calore e la stampa dura fino a dodici mesi prima che inizi lo sbiadimento. L’esposizione a vapori chimici o alla luce solare diretta spesso aumenta la velocità di dissolvenza. Questo tipo di stampa di etichette è ideale per applicazioni di breve durata, come la stampa di etichette di spedizione. Questo tipo di stampante per etichette stampa le immagini direttamente sull’etichetta utilizzando una testina di stampa termica.

Le stampanti a trasferimento termico utilizzano tre tipi di nastro, che sono resina, cera e cera / resina. Il nastro in resina è resistente agli agenti chimici, ai graffi e adatto per etichette sintetiche rivestite. La cera, adatta e la più apprezzata per le etichette di carta semilucida e opaca, ha una certa resistenza alle sbavature. Il nastro per stampante per etichette in resina / cera è ottimo per etichette sintetiche, carta semilucida ed è molto resistente alle sbavature.

Le stampanti per etichette industriali vengono utilizzate in fabbriche, centri di distribuzione, magazzini e altri luoghi, dove necessitano di una stampante per impieghi gravosi per il funzionamento continuo. Le stampanti di etichette desktop sono economiche e silenziose e funzionano bene nelle aziende in cui hanno un utilizzo da leggero a medio. Il rotolo medio di stock è largo meno di cinque pollici. Per la stampa di volumi medi, le stampanti di etichette commerciali possono contenere rotoli di carta fino a otto pollici di larghezza. Un’altra stampante di etichette specializzata è un lettore RFID, che codifica e stampa simultaneamente su tag o transponder RFID racchiusi in materiali sintetici stampabili o carta. Progettano applicazioni per stampanti di etichette per automatizzare i processi di etichettatura e generalmente si trovano nei magazzini e negli impianti di produzione che richiedono etichette per pallet e casse.